[Recensione] 7 First Kisses

Titolo: 7 First Kisses (첫키스만 일곱번째 / Cheotkiseuman ilgobbeonjjae)
Genere: commedia, romantico
Episodi: 8×10′ + 6 epiloghi da 1′, trasmessi su Naver TV Cast dal 5 dicembre 2016 al 5 gennaio 2017
Quando l’ho visto: 2-3 ottobre 2018
Trama: Min Soo-jin (Lee Cho-hee) è un’impiegata del Lotte Duty Free che non ha mai avuto una relazione. Il giorno del suo venticinquesimo compleanno aiuta per caso un angelo (Choi Ji-woo) che, in cambio, le concede il tentativo di scegliere il partner perfetto a cui dare il primo bacio tra sei uomini.


Stupidità: è tenersi per mano, andare lontano, la stupidità…

C’era una volta un webdrama cretino, tale 7 First Kisses, prodotto dalla Lotte per pubblicizzare i suoi duty free. In detto drama, un’impiegata del banco informazioni può baciare sei ragazzi aitanti, belli ed eleganti. I prescelti (scelti molto a caso): Lee Joon-gi, Ji Chang-wook, Park Hae-jin, Kai degli Exo, Taecyeon dei 2PM e Lee Jong-suk.
Poi una si stupisce se il primo commento che le labbra femminili pronunciano su questo drama è: “‘azzo, che culo!”.

La nostra conosce benissimo queste celebrità, e, appena ne vede una, è tutta un “ma tu sei Tal dei Tali, l’attore/l’idol!”, però riceve dal bello di turno un’occhiata stranita, perché qui, ehi, fanno tutti lavori diversi e conoscono già Soo-jin per una serie di circostanze: Lee Joon-gi è un magnate dell’informatica con cui lei andava in chiesa (… ebbene sì, è a questo che serve il catechismo), Ji Chang-wook un infiltrato del quale Soo-jin un tempo era nientemeno che una collega spia, Park Hae-jin è il suo protettivo capo, Kai un giovane idol cui insegna il cinese, Taecyeon il suo fidanzato chaebol (con madre malefica e arpia interessata a lui al seguito), mentre Lee Jong-suk è rimasto un attore e Soo-jin deve girare delle scene con lui al duty free (del quale non manca un po’ di product placement, ma meno di quanto avessi immaginato).

Sapevo che non era un drama impegnato, ma la cretineria della protagonista mi ha sconvolto; se non avessi già visto Lee Cho-hee in Maids, l’avrei odiata. È palese che tutta la webserie ruoti intorno ai maschi, che devono attirare spettatrici le quali, sbavando loro dietro in abbondanza, si ricordino di “quel drama della Lotte zeppo di fighi” e facciano un salto in negozio.
L’episodio che mi è piaciuto di più è forse quello di Ji Chang-wook, mentre il peggiore quello di Taecyeon, per il concentrato di assurdità che è (sì, fa – apposta – il verso ai drama makjang, ma è troppo, troppo, troppo comunque). Però il suo epilogo è terribilmente esilarante.

Voto: 6/10. La produzione tecnica e la comparsa di un settimo ragazzo inaspettato rendono il drama più piacevole di quello che sia.

Sottotitoli italiani usati: quelli dello U&I Fansub. Vengono forniti a richiesta, già in hardsub, il che è comodo, ma i font scelti non sono il massimo della leggibilità, troppo elaborati. Traduzione pressoché perfetta, a parte “confess” tradotto “confessarsi” anziché “dichiararsi”, e “director” reso con “direttore” invece di “regista”.
Oltre agli otto episodi vengono forniti anche gli epiloghi e i making of. Personalmente consiglio di guardare prima 7 episodi, poi gli epiloghi e per finire l’episodio 8.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: